Stop del Garante privacy alle impronte digitali anti-assenteisti

Antonello Cherchi (Il Sole 24 Ore, 27 settembre 2019)


Secondo il Garante della privacy le misure approntate dal ministero della Pubblica amministrazione per contrastare il fenomeno dell’assenteismo e che consistono nel ricorso all’accoppiata di rilevazioni biometriche (come le impronte digitali) e sistemi di videosorveglianza sono «di dubbia compatibilità» con le regole della privacy europea e nazionale. È la seconda volta che l’Autorità dice “no” alla novità prevista dall’ex ministro Giulia Bongiorno: prima l’aveva fatto nei confronti della legge, ora interviene sul regolamento attuativo…

 

Continua a leggere su Il Sole 24 Ore




PinIt